HomePer i più giovaniNostra Signora della Dormizione
Per i più giovani

Nostra Signora della Dormizione

Tag: Famiglia Escrivá, Libri, Per i più giovani
© Paulina Mönckeberg
© Paulina Mönckeberg
Nella Chiesa dell’Assunzione a Fonz c’era una statua della dormizione della Madonna. La festa dell’Assunzione capitava proprio al centro delle vacanze estive il 15 agosto ed era festa grande! Tutte le famiglie andavano in chiesa e ci portavano i bambini.

Per Chon, la sorellina piccola di Josemaria, era un giorno speciale: era il suo compleanno e anche il suo onomastico perché Chon era il diminutivo di Maria Asuncion! Per l’occasione indossava il suo vestitino più bello. I bambini e i loro Angeli Custodi uscivano insieme per andare a Messa e celebrare il giorno della festa di Nostra Signora. Appena entravano in chiesa, il Piccolo Orologiaio (l’Angelo Custode di San Josemaria) faceva un profondo inchino di adorazione davanti a Gesù nel Santissimo Sacramento e poi salutava le migliaia di Angeli che facevano corona davanti a Lui nel Tabernacolo.

Tutti gli angeli nella chiesa guardavano Josemaria. Il Piccolo Orologiaio sorrideva e si sentiva importante: lui sapeva, infatti, che Gesù e la Madonna avevano una speciale predilezione per Josemaria.

Durante la Messa la statua della Dormizione della Vergine veniva svelata e adornata di fiori fragranti. Rimaneva così per otto o dieci giorni fino alla festa dell’Assunzione. Durante il resto dell’anno rimaneva coperta con un velo.

Tutto questo impressionava profondamente i bambini e risale a quei giorni l’origine nei loro cuori della tenera devozione per la Dormizione di Nostra Signora.

Carmen e Josemaria prendevano Chon per mano e andavano con reverenza davanti alla statua della Vergine dormiente. Il viso delicato e roseo irradiava serenità e pace. I bambini stavano un pochino a guardarla e poi posavano un bacetto delicato sulla sua guancia.

Conosci la Sezione Per i più giovani?